IL VANGELO ESSENO DEGLI ARCANGELI O BIBBIA DEL NUOVO INIZIO

ll nuovo Vangelo esseno dei quattro Arcangeli è un testo sacro composto da 1.158 Salmi. Questi Salmi racchiudono gli insegnamenti che furono rivelati nei loro Templi, in occasione delle Celebrazioni Essene per la venuta delle Quattro Stagioni, scandite dai due Equinozi e dai due Solstizi. Nell’arco di 13 anni, dal 2003 fino al 2016, un lavoro immenso di devozione, di organizzazione, anche a livello internazionale, è stato compiuto. Quest’oracolo di sorprendente precisione, ci accompagna nella nostra vita interiore in quanto fulcro di meditazione per tutti. I Salmi sono studiati ed attivati dagli Esseni, nella loro vita quotidiana, rinforzando e vivificando un’opera grandiosa che nutre il cuore e l’anima. Il nuovo Vangelo Esseno, la nuova Bibbia Essena, è il supporto visibile della più alta vibrazione divina alla quale l’uomo possa accedere. Questa Bibbia del nuovo principio è portatrice di un’energia sorprendente, di una forza che spinge gli umani all’azione, alla trasformazione. Un’energia che tocca l’interiorità ed agisce con dolcezza per guarire, equilibrare, per liberare e trasformare. Questa raccolta di nuovi insegnamenti è la manifestazione di un mondo invisibile sacro, divino, che, senza tregua, ha trasmesso dei messaggi di un’importanza capitale per l’evoluzione attuale e futura della Terra e dell’umanità. Ogni singola parola, ogni frase, contiene realmente delle forze luminose, attive, delle chiavi interpretative, in grado di aprire per l’uomo le porte dell’illuminazione. La recitazione dei Salmi, la meditazione sui loro insegnamenti ed il loro profondo utilizzo, in quanto fonte di preghiera, sono tre elementi essenziali dell’importante pratica che ne è derivata. Ogni Salmo è l’autentica, rinnovata rivelazione di un’Intelligenza superiore che porta una chiarezza sorprendente, unica al mondo, in merito agli aspetti della vita dell’uomo, dal più concreto e individuale al più sottile e universale. È per questi motivi che la “Bibbia del nuovo Principio” è un oracolo vivente, in grado di rispondere a tutte le nostre domande. Studiare un Salmo di un Arcangelo significa vivere in compagnia del Padre-Madre, poiché studiare la sua parola, farla vivere dentro di noi, significa essere con Lui. Colei o colui che accoglierà e comprenderà il profondo mistero celato dietro l’origine autentica della stesura di questo libro, scritto dagli stessi Angeli ed Arcangeli tramite l’Alleanza che li lega al rappresentante del popolo esseno, comprenderà anche che questa Saggezza non proviene dall’intelligenza dell’uomo e sarà pronto/a ad aprirsi per percepire la bellezza indescrivibile e il mistero profondo che contiene questa nuova Bibbia Essena dei quattro Arcangeli.

UNA COMPRENSIONE DELLE PAROLE SACRE LASCIATE COME EREDITÀ ALL’UMANITÀ

Vi siete già fatti la domanda seguente: «Chi ha scritto la Bibbia (Cristianesimo), la Torah (Giudaismo), il Corano (Islam), i Puranas e la Bhagavad Gita (Induismo), il Tao te King (Taoismo) e tutti i testi sacri dell’umanità?

Le raccolte della parola divina sono sempre state offerte all’umanità attraverso l’intermediazione di uomini e donne «Inviati», incaricati di trasmetterla al mondo.

Così hanno operato:

  • Mosé, a cui si attribuisce la scrittura di una parte della Torah e dunque della Bibbia
  • Maometto, a cui l’Arcangelo Gabriele (Jibril), ha trasmesso i sutra del Corano
  • Sri Vyana Muni, che avrebbe redatto i Purana
  • Krishna, che ha trasmesso la Bhagavad Gita ad Arjuna
  • Buddha, la cui parola si trova nel Tripitaka
  • Lao Tsé che ha scritto il Tao Te King

Questi intermediari tra Dio e gli uomini hanno in seguito fatto ricorso a dei redattori, degli scribi, affinché le parole della Luce fossero scritte e potessero essere trasmesse alle generazioni future.

Se si osserva il passato delle religioni, ci si accorge che ad ogni epoca cruciale della storia della civiltà e del pianeta, degli esseri particolari hanno ricevuto da Dio o dai suoi messaggeri (gli Angeli, gli Arcangeli…) delle direttive, dei comandamenti, delle leggi. Questi insegnamenti hanno sempre avuto per scopo di risvegliare l’uomo ad un grado di coscienza superiore e di permettergli di oltrepassare una tappa, di vivere maggiormente in accordo con la volontà divina pur restando pienamente in armonia con la propria epoca. Essi costituiscono un’educazione progressiva dell’uomo e si completano l’un l’altro.

UNA NUOVA RIVELAZIONE DI DIO PER LA NOSTRA EPOCA

Per gli Esseni, la rivelazione di Dio è progressiva ed ininterrotta. Attraverso le sue parole di Luce, il Padre-Madre ha sempre mostrato ai suoi figli come uscire dalle loro difficoltà applicando le sue leggi. Egli ha ugualmente indicato loro come poter accedere al loro prossimo stadio di evoluzione. Il Vangelo Esseno degli Arcangeli si inscrive nella continuità di questa rivelazione, adattato alla nostra epoca.

L’ANTICO TESTAMENTO

Esso pone la base delle leggi della vita e fu scritto da uomini, sotto la forma di una testimonianza storica segnando l’intervento divino in un dato periodo. Esso consegna ugualmente certe parole dell’Eterno e mostra che esistono due vie: una via che si allontana da Dio e conduce verso la barbarie, verso la bestialità e una via orientata verso la Luce; una via che dispiace a Dio e una via che piace a Dio.

Nei suoi versetti, questo testo esorta l’umanità a sollevarsi dal fango e a diventare giusta e dritta. Dio vi appare come il Padre che può colpire i suoi figli per raddrizzarli – se essi si allontanano dal cammino della Luce – e non esita a distruggere ciò che non è conforme alle sue leggi. Egli è il Signore delle armate, l’Eterno che si tiene nei Cieli lontani, inaccessibile e che bisogna temere.

IL NUOVO TESTAMENTO

Appoggiandosi rigorosamente sull’Antico Testamento, esso viene per compierlo ad un livello più elevato. Esso insegna la grande legge dell’Amore e dell’incarnazione del Verbo. Vi è scritto: «Dio ha talmente amato il mondo che ha donato il suo Figlio Unico» – Giovanni (3 :16) 

Dio non appare più come l’Eterno inaccessibile che insegna il dritto cammino, ma come il Principe assoluto dell’amore e di tutte le virtù. In questo stadio di sviluppo dell’umanità, i 4 Vangeli e particolarmente il vangelo secondo San Giovanni, hanno rivelato che il Padre poteva essere anche come una Madre e che egli si prendeva cura degli uomini e del mondo fino ad incarnarsi in un essere umano.

«Mio Padre ed io, noi siamo uno» – (Giovanni 10 :22-30) – «Colui che mi ha visto ha visto il Padre» – (Giovanni 14 :1 – 12) – Colui che non mi ama, non ha conosciuto Dio, perché Dio è amore.» (Giovanni 4 :7-12) –

Dio appare allora come l’Amore più grande, come il Padre-Madre Sorgente di ogni vita e di ogni beneficio.

Questo Vangelo fu redatto dai 4 apostoli: Matteo, Marco, Luca e Giovanni. Come per l’Antico Testamento, esso è costituito da testimonianze. Questi ultimi descrivono la vita di Gesù-Cristo, essendo redatti da mani d’uomo.

IL VANGELO ESSENO: IL TERZO TESTAMENTO

Il Vangelo Esseno degli Arcangeli è il nuovo vangelo, la continuità della rivelazione di Dio, la sua testimonianza per la nostra epoca. Esso è la terza parte della trilogia divina e costituisce la finalizzazione dei due Testamenti precedenti.

Il Maestro bulgaro Omraam Mikhaël Aïvanhov aveva predetto la venuta di questo terzo testamento:

«Perdonatemi se questo vi scandalizza, ma io dico che vi era un Antico Testamento, che vi è stato un Nuovo Testamento e che vi sarà un terzo Testamento. In realtà, esso è già in preparazione… Ora i tempi sono cambiati e noi abbiamo bisogno di un terzo Testamento e come vi ho detto, esso sta per arrivare. Esso non rigetterà i primi due, ma permetterà di chiarificare, di completare e di correggere certe cose (…) (in Izvor 209 – Natale e Pasqua nella tradizione iniziatica, la resurrezione e il Giudizio finale).

Il Vangelo Esseno si presenta sotto forma di un incredibile quantità di salmi, come risultato degli insegnamenti dati agli Arcangeli agli esseni – durante la celebrazione della Ronda degli Arcangeli. Questo insegnamento si indirizza ad ogni uomo e donna che ha sufficientemente risvegliato la propria sensibilità e la propria coscienza per poterne accettare le parole sacre, l’inimmaginabile portata.

Per gli Esseni, queste parole sono il corpo stesso di Dio. Esse formano il pane della saggezza e permettono a colui o colei che se ne nutre di comunicare con Dio in ogni cosa e di attivare la fioritura dell’anima.

Il terzo Testamento non è stato scritto da un solo uomo. Durante ogni celebrazione della Ronda degli Arcangeli, esso è stato dettato a Olivier Manitara e all’assemblea degli esseni riuniti in tempio dai quattro Arcangeli, i quattro grandi messaggeri di Dio: Michele, Raffaele, Gabriele e Uriele e cola direttamente dalla bocca del “Padre-Madre Sorgente”, come accadde per gli antichi profeti.

Il Vangelo Esseno è l’attualizzazione del Nuovo Testamento e mostra la nuova destinazione dell’umanità voluta da Dio: l’uomo-Angelo.

Nel secondo Testamento, il Padre si è manifestato attraverso un uomo unico ed è apparso attraverso la grande virtù protettrice dell’amore. Nel terzo Testamento, Egli vuole manifestarsi attraverso un popolo di esseri – di qualunque origine etnica e geografica – chiamati a servirLo e incarnanti, attraverso le loro complementarità, tutte le virtù emanate da Lui.

Queste virtù sono il fiore della Ronda degli Arcangeli, quelle che gli Esseni, i portatori d’Angelo si impegnano a incarnare.

Questo popolo di servitori di Dio è la Nazione Essena, alla quale ogni uomo, ogni donna sulla Terra è invitata ad unirsi.

UN MESSAGGIO PER IL MONDO INTERO

Così come Yahvé si è indirizzato a Mosè, sul Monte Sinai, per rivelargli i 10 comandamenti, offerti all’intera umanità, così come il Padre si è indirizzato al mondo intero attraverso la bocca di Gesù e l’intermediazione dei quattro evangelisti, oggi il Padre stesso ha affidato la salvaguardia della sua Parola ad un popolo di uomini e donne che si mantengono nello studio e nella disciplina. Questi ultimi hanno mostrato la loro inclinazione a servire Dio, la loro capacità di impegno davanti la Tradizione e la loro fedeltà alla Luce per mezzo delle loro opere. Allora, questa missione è stata loro affidata. La responsabilità è immensa perché questa rivelazione deve attraversare le ere – ad immagine dell’Antico e del Nuovo Testamento – e diventare l’eredità delle generazioni future.

Il Cielo non ha mai destinato il proprio insegnamento a coloro che non ascoltano la sua parola o che rischiano di profanarla. Esso offre sempre una mano tesa a coloro che sono pronti a riconoscerla e ad afferrarla. Esso si indirizza unicamente a coloro che hanno l’amore… a coloro che si sforzano di aprire i loro occhi per vivere veramente e di aprire le loro orecchie per ascoltare la dolce musica che viene dall’anima.

Pone davanti i nostri occhi delle parole, delle situazioni, dei segni, un uomo o un libro… E queste opportunità sono delle porte che ognuno può attraversare o ignorare. A coloro che apriranno la porta, esso mostrerà il cammino della bellezza e dell’Eternità!